I pupi siciliani: memoria, tradizione e innovazione di un patrimonio artistico e culturale

Ignazio Buttitta

Resumo


L’opra dei pupi è il teatro tradizionale delle marionette in Sicilia. Per la
sua importanza è specificità è stato riconosciuto dall’UNESCO quale “capolavoro del patrimonio orale e immateriale dell’umanità”. La sua forma tipica, caratterizzata da temi narrativi cavallereschi e da pupi armati, ha avuto origine nella prima metà dell’Ottocento differenziandosi in due distinte tradizioni: quella palermitana e quella catanese. Teatro
tipicamente popolare dalle evidenti caratteristiche rituali, l’opra entra in crisi a metà del Novecento a causa delle trasformazioni socio-economiche e dell’affermarsi di nuove forme di intrattenimento (cinema, televisione). Conosce però una rifioritura, mostrando la capacità di riadattarsi a nuove tipologie di pubblico, grazie, essenzialmente, ad Antonio Pasqualino, che, nel 1975, fonda il Museo Internazionale delle Marionette, luogo dove tutt’oggi si proseguono iniziative di studio e di ricerca.

Parole-chiave: Pupi siciliani. Teatro Popolare. Patrimonio Artistico e Culturale.


Texto completo:

PDF


DOI: http://dx.doi.org/10.5965/2595034701152016177

Direitos autorais 2018 Móin-Móin Revista de Estudos sobre Teatro de Formas Animadas



Licença Creative Commons
Este obra está licenciado com uma Licença Creative Commons Atribuição 4.0 Internacional.

 

INDEXADORES, DIRETÓRIOS E BASES DE DADOS: